Logo Iris
Close-up of automated machines in dry cleaning

Investire in innovazione: il caso della lavanderia Eureka

Scritto da: Silvia Rensi | Pubblicato il: 14 aprile 2015

La più grande lavanderia italiana per le case di riposo? E’ Eureka, una lavanderia industriale di Castelfranco Veneto (TV), una cooperativa sociale di tipo B della rete del Consorzio In Concerto con un fatturato annuo da 8 milioni di euro. Per presentare al territorio il nuovo stabilimento industriale (9 mila mq di superficie) e il nuovo impianto per la gestione ed il lavaggio (Metricon), Eureka ha organizzato un Open Day molto partecipato e apprezzato alla fine del mese di marzo. La lavanderia è capace di lavare e stirare in un giorno fino a 50 mila pezzi di biancheria piana, 15 mila indumenti di ospiti, quasi 4 mila divise da lavoro. Ha una base di 150 soci lavoratori, di cui un 35% sono persone in situazione di svantaggio (con disabilità, disagio psichiatrico, oppure con problemi di dipendenza) e quindi soggetti fortemente a rischio di esclusione dal mercato del lavoro.

La cooperativa sociale, attiva da oltre vent’anni, ha avuto un rilancio importante nel 2006, con alcune scelte organizzative e strategiche lungimiranti: negli anni ha saputo fare rete con il territorio, creare posti di lavoro e generare economia, sostenuta anche dal Consorzio In Concerto. “L’alto tasso di innovazione introdotta negli ultimi anni da Eureka – commenta il presidente Enrico Pozzobon – dapprima con un sistema brevettato di tracciabilità elettronica Q-code degli indumenti degli ospiti delle case di riposo e ora con Metricon, un sistema automatizzato di asciugatura e selezione dei capi, l’unico di questo genere in Italia, ci ha consentito di crescere in modo importante (lo scorso anno con un fatturato di +9.22%), offrendo ai clienti un servizio sempre più di qualità, senza mai perdere di vista il benessere delle persone che collaborano con noi”.

Oltre all’innovazione di processo, Eureka è molto impegnata anche sul fronte dell’innovazione di prodotto. Lo scorso anno per andare incontro alla richiesta delle case di riposo di noleggio di biancheria tecnica, Eureka ha sviluppato il “letto termoregolante”: lenzuola e coperte in grado di mantenere la temperatura naturale del corpo. In più, fornisce questa nuova biancheria da letto colorata, per portare vivacità ed allegria nelle stanze degli ospiti.

“Eureka e il Consorzio In Concerto – commenta Valerio Cescon, presidente di Confcooperative Treviso – sono una testimonianza concreta della capacità della cooperazione trevigiana di investire in servizi innovativi e di puntare in nuovi settori, diversi da quelli tradizionali, facendo un’attività costante di ricerca e sviluppo. Coniugando la capacità di stare sul mercato e di essere competitivi, a quella di generare opportunità lavorative per soggetti svantaggiati”.

Lavanderia Industriale Eureka (www.lavanderiaeureka.it)
Porte aperte per la nuova lavanderia Eureka (Confcooperative Veneto)
Porte aperte all’Eureka di Castelfranco Veneto (Treviso Today)
Conti in ordine, fatturato in crescita e lotta a disagio e disoccupazione: le porte aperte nella lavanderia modello (Il Sole 24 ore)

 

Albo del Workshop

Ti potrebbe interessare

Fotolia_57509594_M
#esperienze
Un vivaio biologico per i giovani NEET
Approfondisci
ansaldo2
#esperienze
Ex Ansaldo: una fabbrica di produzione culturale
Approfondisci